Breaking News:

A misura d’uomo

Autore: Roberto Camurri

Categorie: Libri

A misura d’uomo di Roberto Camurri, edito NNEDITORE è un libro del quale si è parlato molto e bene.

Difficilmente mi è capitato di trovare un libro le cui recensioni fossero tutte positive, “A misura d’uomo” è uno di questi. Ha collezionato una serie di lodi e quasi nessuno è riuscito a trovare un difetto.

Come avevo già detto in un post, ero preoccupata di leggere questo libro perchè le mie aspettative erano molto alte e avevo il timore di rimanere, anche solo in parte, delusa. Sono felice di ammettere che i miei dubbi hanno perso e che le aspettative sono state colmate, se non superate dalla scrittura di questo autore.

A rendere bello, nel senso più vero del termine, questo libro è l’assoluta semplicità, la normalità delle vite dei personaggi. Il libro, definito “romanzo di racconti”, è ambientato interamente a Fabbrico, un piccolo paese emiliano con “poche anime, due strade, i campi intorno, il cielo d’ovatta”.

L’amore che l’autore nutre per questo paesino, che è il suo paese d’origine, traspare in ogni singola pagina rendendo questo luogo il vero protagonista del romanzo.

La Fabbrico di Camurri

A Fabbrico conducono le loro vite tre amici: Anela, Valerio e Davide. Il loro legame, però, non è da intendersi in senso assoluto, non c’è niente di certo e indissolubile in questo libro ed è questo il bello. ciò che lo rende meraviglioso, seppur tremendamente reale. La vita ti pone d’innanzi a scelte difficili, ti porta a vivere situazioni complicate, ti fa sbagliare e pone ostacoli quasi insormontabili; è proprio questo che vivono i personaggi di Camurri ed è proprio per questo che il lettore riesce ad immedesimarsi completamente con loro.

A misura d’uomo” è un romanzo di racconti che non seguono l’ordine temporale degli eventi, vi sono infatti numerosi flashback i quali, però, non destabilizzano il lettore e non fanno risultare il romanzo caotico e confuso.

Di che cosa parla Camurri in “A misura d’uomo”?

I tre personaggi principali incarnano i sentimenti, le emozioni e gli stati d’animo che accomunano un po’ tutti noi; attraverso le loro azioni si parla di amore, di crescita, di sofferenza, di dolore e di morte. Si parla di ricordi, soprattutto. Quei ricordi che certe volte si fanno così presenti nella nostra vita da diventare indelebili.

Si parla poi di luoghi: della piazza del paese nel quale avvengono incontri e manifestazioni, del bar della Bice che, nonostante l’età avanzata, continua ad aprire tutte le mattine.

A misura d’uomo” è un libro che ti cambia un po’, che ti fa riflettere, specialmente sulla tua vita. E’ un libro che, secondo me, o ti piace o non ti piace, la via di mezzo non è contemplata. Camurri ha una voce graffiante che trasmette e mantiene all’interno del romanzo.

Dopo “Di ferro e d’acciaio” di Laura Pariani, non credevo che mi sarei imbattuta presto in un altro libro “indimenticabile”. Anche in questo caso mi sono sbagliata e ne sono felice perchè anche Camurri ha conquistato un pezzettino del mio cuore di lettrice.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Ogni sabato mattina, alle 9:00, invio il Settimanale Indipendente, un magazine digitale che racchiude tutte le recensioni della settimana, gli ultimi avvenimenti, le notizie più importanti e tutto quello che c'è da sapere sul mondo dell'editoria Indipendente.

Il Colibrì

Oggi parliamo del romanzo “Il Colibrì” di Sandro Veronesi, edito da La Nave di Teseo. E’ un libro che mi ha appassionata moltissimo, è la storia di Marco Carrera, una storia come tante, ordinaria all’esterno, straordinaria vista dall’interno.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *