Breaking News:

latitudine 0

Latitudine 0°

Autore: Marco Lapenna

Editore: 66THAND2ND

N. pag: 256

Anno: 2021

Valutazione: 5/5

A cura di: Virginia Villa

Categorie: Libri

Cari lettori, oggi condivido con voi una lettura meravigliosa. Alcuni potranno dire (come hanno già fatto) che sono di parte quando si tratta delle pubblicazioni di 66THAND2ND, ma cosa posso farci se non ne sbagliano una?

Il libro di cui voglio parlarvi è “Latitudine 0°” di Marco Lapenna.

Marco Lapenna è nato a Lecce nel 1990. Di professioni traduttore, ha viaggiato per mesi in America Latina. Durante questi viaggi ha preso appunti e da questi appunti è nato “Latitudine 0°”, il suo primo romanzo. Se questo è il risultato, spero che abbia riempito quaderni di storie dei suoi viaggi; Latitudine 0°” esercita un potere magnetico su chi lo legge e vi ritroverete a sfogliare le pagine completamente immersi in una scrittura che parla di amore, disperazione, catarsi, follia e smarrimento.

LA TRAMA

Alla ricerca di Nina, la donna magnetica e incostante che non è mai riuscito a dimenticare, Gaspar Carvajal giunge in una Città del Messico anestetizzata dall’inverno.

Nina si è volatilizzata mesi prima, solo una flebile traccia la lega a una psichiatra assassinata e ai vaneggiamenti del Russo, personaggio oscuro e inquietante, ossessionato da una fantomatica foresta: un continente invisibile dai confini sfuggenti, retto da un egemone sanguinario. Eppure non si tratta delle farneticazioni di un folle, la foresta esiste, è un luogo violento e primordiale dove la vita è guidata da pulsioni ancestrali e i desideri degli uomini – inappagati e inappagabili – prendono la forma concreta di demoni pronti a divorarsi l’un l’altro.

Carvajal decide di inoltrarsi in questo territorio selvaggio piegandosi a una nuova esistenza dove sono saltate tutte le regole del contratto sociale e vige un’unica legge: la predazione istituzionalizzata. Ma anche in questo universo immutabile qualcosa sta cambiando. Un condottiero dal demone straordinariamente potente si è messo alla testa di un manipolo di ribelli per annientare la schiavitù del desiderio e raggiungere, muovendo di colonia in colonia, il centro pulsante della foresta: Latitudine 0°.

LA FORESTA

La foresta è molto più che un elemento naturale a far da cornice alla storia. Si tratta di un vero e proprio impero suddiviso in vari regni belligeranti e in continua tensione. Il centro è la cosiddetta Latitudine 0, la capitale del Re dei Re, sovrano del mondo magico e fantastico creato da Lapenna. Gaspar dovrà affrontare questo mondo e vorrà rivedere la sua Nina.

CITAZIONE DAL LIBRO

Con quella coroncina di piume gualcite e fruste, la gura di Nina rasentava l’ironico. Ma era Nina, era la donna che stava cercando e la ragione per cui era entrato nel matorral, per cui aveva scoperto la foresta e risvegliato il demone. Di colpo Carvajal ricordò: non solo gli ultimi mesi nella casa nella palude, ma tutto quello che aveva preceduto la nascita del David Bowie azzurro. Si ricordò del Russo e di Città del Messico, di Yona il Topo, di Valencia, di Milano, e ancora indietro no a Siviglia e a sua sorella Trinidad. Soprattutto si ricordò di Nina, e la nuova consapevolezza lo investì con tutto il peso che aveva sempre avuto. E di colpo Carvajal ritornò uomo, perché per sottrarsi al dominio di Circe basta ricordare di essere stati uomini. L’impero della duquesa si incrinò silenziosamente. Ma di questo, nemmeno Carvajal si rese conto. Era troppo concentrato sul tempo delle illusioni che gli si riapriva davanti, su quel sentimento invincibile di: ancora tu.

CONCLUSIONE

Era da tempo che cercavo un romanzo come questo di Lapenna, una vera novità e non perchè lo dice il cartellino sul ripiano dell’espositore. Ultimamente faccio un’immensa fatica ad essere soddisfatta di una lettura perchè trovo che, anche complice la pandemia, l’editoria si sia stagnata e stia promuovendo i “titoli forti”, quelli che “comunque vada” vendono. Io non cerco un libro che vende, ma una storia in grado di portarmi in luoghi non calpestata dalla “letteratura di massa”, cerco un libro in grado di farmi provare emozioni forti e contrastanti, in grado di parlarmi di un mondo nuovo, a volte spaventoso, come lo sono tutte le cose che non si conoscono, ma capace di coinvolgermi e tendermi la mano. Latitudine 0°” è tutto questo, e molto altro. E’ la boccata d’aria fresca che avevo bisogno, che l’editoria italiana aveva bisogno.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Bonus Cultura 2021

Il Bonus Cultura, o “bonus 18 anni”, è stato rinnovato anche per i nati nel 2002 ed è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Vediamo cos’è, quali sono le modalità di accesso e di utilizzo e le novità per il 2021.

Leggi di più

Come funzionano i romanzi

Parlare di un libro che parla di altri libri (che spesso parlano di libri) dà sempre una certa vertigine. Scrivere di uno scritto che parli di scrittura è come fare un viaggio nell’iperspazio, sembra quasi di smarrire il contatto con la terra. Forse perché avere la pretesa di recensire un recensore di recensioni è come muoversi dentro un’iperbole; conviene, quindi, volare bassi.

Leggi di più

Dantedì. Il 25 marzo si celebra il sommo poeta

Il 25 marzo è il Dantedì, il giorno dedicato a Dante. Il Consiglio dei Ministri ha deciso nel 2020 che il 25 marzo di ogni anno fosse il Dantedì, una giornata interamente dedicata a Dante, il padre della Divina Commedia, un momento che si è stabilito di inserire nel calendario per dare il giusto spazio a un poeta che ha cambiato la nostra lingua.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *