Breaking News:

Il fabbricante di sogni

Autore: R. M. Romero

Editore: DeA Planeta

Ho fatto passare alcuni giorni prima di scrivere la recensione di questo libro, che devo dire è arrivato a toccare corde molto profonde. “Il fabbricante di sogni” di R.M. Romero, edito da DeA Planeta, prende per mano il lettore conducendolo al suo interno con la delicatezza di una favola e la crudeltà della storia. Ma i due aspetti, normalmente inaccostabili, non stridono tra loro, danzano invece d’amore e d’accordo trasportando chi legge con sé.

TRAMA

Come dicevo, due storie navigano parallele tra le pagine del romanzo, una è ambientata nella Terra delle bambole e l’altra a Cracovia, nel periodo dell’occupazione nazista.

La Terra delle bambole è un posto magico dove i giocattoli non più usati dai bambini vanno ad abitare. Un giorno viene invasa dai Ratti che ne prendono pieno possesso, ma Karolina, una bambola, riesce a mettersi in salvo. La sua anima, per magia, viene trasportata nel mondo degli umani.

A Cracovia è il 1939 e Cyryl Brzezick, un giocattolaio reduce della Grande Guerra, passa le sue giornate tra il laboratorio e il negozio. Una notte, svegliato da incubi riguardanti il suo passato, si reca in laboratorio e lì incontra Karolina. Vedendo la bambola viva all’inizio l’uomo si spaventa, ma nel corso dei giorni Karolina e il giocattolaio instaureranno un’amicizia sincera. Entrano a far parte del loro piccolo mondo anche Jozef e sua figlia Rena e tra i quattro nasce un legame profondo. Presto però arriva settembre e l’occupazione della Polonia da parte della Germania. In poco tempo vengono istituite le leggi razziali e Jozef e Rena, che sono ebrei, si trovano presto ad affrontare uno dei capiroli più bui della storia dell’umanità. 

IL GIOCATTOLAIO

Cyryl Brzezick è un uomo buono e schivo, che svolge il suo lavoro con passione. Quando scopre di essere un mago, però, non crede affatto nelle proprie capacità. Ma il vero potere di Cyryl non risiede nella magia, risiede nella bontà del suo cuore.

KAROLINA

È una bambola spigliata, impudente, chiacchierona e decisamente impulsiva, praticamente il contrario del giocattolaio. Crede fermamente nella magia di Cyryl.

CONCLUSIONE

Quando ho iniziato a leggere il libro, mi sono detta che si trattava di una favola per ragazzi. All’inizio l’ambientazione fantastica mi ha indotta a pensare a una lettura di puro intrattenimento, ma più si avvicendavano le pagine, più ho capito la profondità di quello che veniva scritto. Si parla di nazismo, di leggi razziali, di olocausto, ma anche d’amore, di amicizia e di coraggio. È un libro che, secondo me, ci dice due cose. La prima: ci sarà sempre qualcuno come Cyryl nel mondo, un uomo buono disposto a tutto pur di combattere ciò che non è giusto e aiutare quando può. La seconda: cose come l’olocausto possono succedere sempre, in Europa negli ’40 come nella Terra delle bambole, sta a noi non farle succedere più. Preziosa è la nota dell’autrice a fine romanzo, il perfetto sunto di quello che ha scritto e del messaggio che voleva dare. Messaggio che, a chiunque abbia anche solo un briciolo di cuore, arriverà forte e chiaro. 

 

(RECENSIONE DI SERENA PISANESCHI)

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Ogni sabato mattina, alle 9:00, invio il Settimanale Indipendente, un magazine digitale che racchiude tutte le recensioni della settimana, gli ultimi avvenimenti, le notizie più importanti e tutto quello che c'è da sapere sul mondo dell'editoria Indipendente.

I romanzi possono essere terapie per stare bene?

Occorre dare una risposta a questa domanda: leggere fa bene? Al di là del diletto ineffabile che prova il lettore quando si tuffa, sguazza e poi nuota tra le pagine delle proprie letture. Vorremmo capire: esiste un concreto benessere fisico, o mentale, che la lettura è in grado di conferire all’organismo umano. E se esiste, in che termini si manifesta, e come si potrebbe misurare?

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *