Breaking News:

il suono del mondo a memoria

Il suono del mondo a memoria

Autore: Giacomo Bevilacqua

Editore: BAO Publishing

Cari lettori, oggi la nostra Serena Pisaneschi recensisce una bellissima graphic novel: “Il suono del mondo a memoria” di Giacomo Bevilacqua, edito da BAO Publishing.

Di recente mi sono accostata ai Graphic Novel, i romanzi a fumetti che stanno prendendo moltissimo piede. Un po’ perché da ragazzina leggevo i manga e un po’ perché invidio con tutto il cuore chi sa trasmettere emozioni con i disegni, mi sono mezza a cercare qualche titolo e, incuriosita, mi sono regalata per Natale “Il suono del mondo a memoria” di Giacomo Bevilacqua, edito Bao. Della dritta devo ringraziare Samuele Bellini, fotografo e poeta che mi ha suggerito il titolo regalandomi una lettura alla quale torno spesso a pensare.

TRAMA

La trama è molto semplice. Sam è un giovane giornalista che deve scrivere un articolo e per farlo conduce un esperimento sociale a Manhattan, nel cuore pulsante di New York: per due mesi non deve assolutamente parlare con nessuno. Quindi la mattina si sveglia, si prepara, indossa le sue cuffie e parte armato della sua omertà e della sua macchina fotografica. Ogni giorno così per due mesi interi, questa è la sfida.

IMPREVISTO

Ma qualcosa deve pur succedere no? Insomma sennò una graphic novel di oltre 180 pagine bella grandi non avrebbe senso. Infatti succede che un giorno, ritirando le foto dalla copisteria (foto che lui non riguarda mai dopo lo scatto perché preferisce chiudere gli occhi e immaginare) trovi una sorpresa. In alcune di quelle stampe in bianco e nero spiccano delle figure a colori, nello specifico sempre la stessa figura, sempre la stessa ragazza. Ed ecco che il mondo di Sam subisce uno scossone. Chi è? E perché l’ha ritratta così tante volte senza saperlo? Perché è nei suoi attimi? Cosa sta tentando di dirgli l’universo? Da quel momento l’equilibrio di che Sam sta faticosamente riconquistando vacilla.

DISEGNI E SCENEGGIATURA

Come ho detto prima ammiro molto chi sa disegnare, io sono una vera e propria schiappa. I disegni di Bevilacqua sono belli, espressivi, colorati come e dove serve. Narrano praticamente da soli, e anche la sceneggiatura, sempre sua, vi colpirà. Non voglio svelavi niente di più della storia, ma vi dico che è una di quelle che alla fine fa dire: apperò, bravo lui! 

CONCLUSIONE

Bravo lui, sì, perché è alla sua prima graphic novel e perché mi ha spiazzato. Bravo perché ha avuto la capacità di mettere la poesia in un testo di narrativa che in realtà è un fumetto. Ha saputo lasciarmi intimamente interdetta, piacevolmente sorpresa da qualcosa che si sa ma non ci si pensa mai. Lui ha scavato e l’ha tirato fuori, questo è stato il suo talento. Se posso darvi un consiglio però non fate come me, che ho sempre la maldestra mania di parlare, scrivere e leggere troppo velocemente. Voi sfogliate piano le pagine e gustatevi ogni tratto, colore, e forma, e ascoltate la narrazione tutta: disegni e parole. E alla fine rimarrete un po’ basiti come sono rimasta io, col sorriso sulle labbra e la voglia della stessa gomitata che ha colpito Sam.

 

(RECENSIONE DI SERENA PISANESCHI)

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Mondo scritto e mondo non scritto

Arriva alla fine la pubblicazione settimanale dell’opera omnia di Italo Calvino, nella campagna promossa dalla GEDI, e articolata in 24 uscite. E come ultima perla c’è questa raccolta di articoli e saggi raccolti intorno al tema “Mondo scritto e mondo non scritto”. Si tratta di annotazioni sulla traduzione, sulla lettura, sull’editoria, sul fantastico, sulla scienza e sull’antropologia, come si può apprendere dalla catalogazione delle sezioni in cui è articolato il testo. Articoli, recensioni, commenti, relazioni, scritti presentati in contesti disparati: conferenze internazionali, prefazioni editoriali, rubriche giornalistiche, approfondimenti pamphlettistici. Una quarantina di saggi mai pubblicati insieme in un unico volume, come ci informa la nota redazionale.

Leggi di più

Il mondo è un’altra cosa

Venerdì 9 aprile ho avuto il piacere di intervistare Jacopo Zonca, autore del meraviglioso libro “Il mondo è un’altra cosa”, edito da Epika Edizioni, casa editrice che aveva già pubblicato il primo romanzo di Zonca, “52 49”.

Si tratta di una raccolta di racconti o, come preferisce definirlo l’autore, un “libro di racconti” nel quale incontriamo personaggi molto particolari che vivono momenti difficili, talvolta cruciali, della loro vita. Personaggi borderline al limite tra la follia e la cosiddetta “normalità”, ma che hanno tutti qualcosa di raccontare al lettore.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *