Breaking News:

Insonnia

Autore: Giulia Mattiello

Categorie: Libri

C’è chi si rifiuta categoricamente di recensire libri scritti da autori emergenti e case editrici indipendenti, e poi ci sono io che sono convinta che questi soggetti editoriali abbiano bisogno di sostegno e visibilità, anche perché in queste realtà è possibile trovare piccoli gioielli editoriali. E’ questo il caso di “Insonnia” di Giulia Mattiello.

Leggendo “Insonnia”, questa mia convinzione si è rafforzata perché vi ho trovato una scrittura accurata, personaggi ben analizzati e, in generale, una storia che offre  al lettore spunti di riflessione interessanti.

TRAMA

La storia è ambientata a Milano, durante un inverno particolarmente freddo. I personaggi principali di questo romanzo sono quattro e nel corso della storia si incontreranno e scontreranno tra loro. Anche se, apparentemente così diversi, tutti e quattro sono accomunati dallo stesso problema: soffrono di insonnia. Proprio le lunghe notti senza riposo sono il tramite che li fa incontrare in uno strano gioco di incroci casuali e scambi di coppie.

L’autrice sceglie di presentarci prima Amada e Fulvio e, successivamente, Vera e Claude. Ho apprezzato la modalità con la quale Giulia Mattiello ha introdotto i personaggi, la quale permette al lettore si conoscere i quattro ed entrare in sintonia con loro.

Ad Amanda piace la fotografia e questa passione la porta ogni mattina a recarsi al parco vicino a casa per fotografare l’alba. Anche Fulvio frequenta il parco ogni mattina e, dopo aver incrociato Amanda più di una volta, è desideroso di scambiare due parole con lei e conoscerla.

Questo avverrà, anche se avrà una durata abbastanza breve.

Vera e Claude, vivono insieme perché sono una coppia di lunga data. Lei musicista e lui giornalista, hanno entrambi un carattere molto forte che li porta a scontrarsi spesso e a litigare furiosamente.

Mi sono rivista molto in questi due personaggi, Vera e Claude, forse perché anche io vivo una relazione e convivo da molto tempo. I pensieri di Vera e le sue preoccupazioni sono spesso anche le mie e capisco quando entrambi manifestano il bisogno d avere i propri spazi.

Dopo una presentazione iniziale dei personaggi e delle loro vite, l’autrice si addentra nella storia, conducendo il lettore in un mondo dominato da fragilità, insicurezze e paure.

Tutti i personaggi –  a turno, come fosse un gioco – sono chiamati ad affrontare una prova difficile e a decidere le proprie sorti: andare avanti o farla finita? Provare o scappare?

SOLITUDINE

Il tema centrale del romanzo è la solitudine presentataci in modi differenti e da punti di vista diversi, quelli dei quattro personaggi.

Il tipo di solitudine provata da Vera, Claude, Amanda e Fulvio è più interiore che legata al mondo esterno e, quindi, a situazioni reali.

CONCLUSIONE

Indubbiamente l’insonnia è la causa principale della fragilità di questi personaggi e, di conseguenza, del sentimento di solitudine da loro provato, ma è importante che il lettore si soffermi a riflettere sulla solitudine e su quello che essa comporta.

E’ un libro molto profondo che aiuta il lettore a comprendere meglio gli altri e se stesso.

Un libro che consiglio molto a tutti!

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Mondo scritto e mondo non scritto

Arriva alla fine la pubblicazione settimanale dell’opera omnia di Italo Calvino, nella campagna promossa dalla GEDI, e articolata in 24 uscite. E come ultima perla c’è questa raccolta di articoli e saggi raccolti intorno al tema “Mondo scritto e mondo non scritto”. Si tratta di annotazioni sulla traduzione, sulla lettura, sull’editoria, sul fantastico, sulla scienza e sull’antropologia, come si può apprendere dalla catalogazione delle sezioni in cui è articolato il testo. Articoli, recensioni, commenti, relazioni, scritti presentati in contesti disparati: conferenze internazionali, prefazioni editoriali, rubriche giornalistiche, approfondimenti pamphlettistici. Una quarantina di saggi mai pubblicati insieme in un unico volume, come ci informa la nota redazionale.

Leggi di più

Il mondo è un’altra cosa

Venerdì 9 aprile ho avuto il piacere di intervistare Jacopo Zonca, autore del meraviglioso libro “Il mondo è un’altra cosa”, edito da Epika Edizioni, casa editrice che aveva già pubblicato il primo romanzo di Zonca, “52 49”.

Si tratta di una raccolta di racconti o, come preferisce definirlo l’autore, un “libro di racconti” nel quale incontriamo personaggi molto particolari che vivono momenti difficili, talvolta cruciali, della loro vita. Personaggi borderline al limite tra la follia e la cosiddetta “normalità”, ma che hanno tutti qualcosa di raccontare al lettore.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *