Breaking News:

La notte delle croci e delle morti

La notte delle croci e delle morti

Autore: Marco Mazzucchelli e Danilo Oggionni

Editore: L'Erudita

Categorie: Libri

Cari lettori, oggi vi parlo di un libro particolare, il cui genere non è mai stato trattato prima da LeggIndipendente. “La notte delle croci e delle morti” di Marco Mazzucchelli e Danilo Oggionni non è un thriller e non è classificabile nemmeno come semplice horror. Il genere che più si addice a questo romanzo è il Pulp: filone letterario che prevede storie dai contenuti forti, caratterizzata da elementi crudi e disturbanti, efferatezze e situazioni macabre, prive di elementi horror di carattere sovrannaturale.

TRAMA

La sera della semifinale dei mondiali del 2006 Germania-Italia, Luis e Brando sono in macchina diretti ad un concerto metal. All’improvviso Luis fa una deviazione. Decide di comprare dell’erba per la serata e si dirige verso la casa del Toro. Quella che doveva essere una toccata e fuga si trasforma in un viaggio all’interno della casa, dove sono in atto i preparativi per una grossa festa. I due amici incontreranno svariati personaggi freak e borderline che non vedono l’ora che la festa inizi, con tutte le sue attrazioni animalesche e depravate. Con una scrittura ragionata, utilizzando un linguaggio crudo e diretto, Marco Mazzucchelli e Danilo Oggionni trasformano il viaggio all’interno della casa in un percorso di discesa interiore, soprattutto per Brando. Perché Brando nasconde un segreto, del quale neanche lui è a conoscenza, e l’uscita da quella casa sarà un valzer di donne, droghe e sangue. Di croci e di morti.

RECENSIONE

Il libro, come anticipato nell’incipit di questo articolo, è scritto a quattro mani da Marco Mazzucchelli e Danilo Oggionni e già questo è un aspetto molto interessante perchè i protagonisti del romanzo sono due ragazzi e la narrazione avviene in prima persona, prima attraverso la voce di Brando e poi, in un secondo momento e per poche battute, da quella di Luis.

I due ragazzi hanno personalità molto diverse, quasi inconciliabili. Luis è il più grande dei due e appare fin dalle prime pagine come una persona disturbata, irascibile, e sotto il perenne effetto di alcool e droghe. Brando, invece, è un personaggio che rimane più anonimo, è una persona dimessa, più pacata, tranquilla e sicuramente ragionevole.

Lo stile narrativo è incalzante e carico di suspense. Benché la storia sia caratterizzata da scene molto forti, disturbanti e al limite dell’orrore e il linguaggio utilizzato dai personaggi sia estremamente colloquiale pieno di parolacce e imprecazioni, il lettore non può fare a meno di andare avanti a leggere per scoprire la verità e trovare un Luis sorprendente e inaspettato.

CONCLUSIONE

Credo che la maggior parte dei lettori di LeggIndipendente troverà questo libro troppo forte, spinto e crudo per i suoi gusti, ma a chi piace il genere Pulp, questo romanzo è sicuramente consigliato.

 

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Ogni sabato mattina, alle 9:00, invio il Settimanale Indipendente, un magazine digitale che racchiude tutte le recensioni della settimana, gli ultimi avvenimenti, le notizie più importanti e tutto quello che c'è da sapere sul mondo dell'editoria Indipendente.

I romanzi possono essere terapie per stare bene?

Occorre dare una risposta a questa domanda: leggere fa bene? Al di là del diletto ineffabile che prova il lettore quando si tuffa, sguazza e poi nuota tra le pagine delle proprie letture. Vorremmo capire: esiste un concreto benessere fisico, o mentale, che la lettura è in grado di conferire all’organismo umano. E se esiste, in che termini si manifesta, e come si potrebbe misurare?

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *