Breaking News:

estremo coraggio

Estremo coraggio

Autore: Natale Mirafiori

Editore: Santelli Editore

Categorie: Libri

Cari lettori, in questa giornata afosa di fine giugno vi parlo di un romanzo interessante che potrebbe essere un’ottima lettura sotto l’ombrellone. Sto parlando di “Estremo coraggio” di Natale Mirafiori, edito Santelli Editore.

SINOSSI

Due destini che si incrociano fin da bambini, due vite parallele che cercano di riscattarsi dalle loro origini. Da una parte Paolo Bellavista, oggetto di contesa tra un padre vizioso, dalla condotta dissoluta e una madre morbosa, dall’altra Gemma Barberi, costretta a battersi per liberarsi dalle imposizioni dei genitori e assecondare il proprio talento. Un legame indissolubile e sempre più forte, che supera ogni distanza e difficoltà, è il vero protagonista di questa opera, ma tra le storie dei personaggi scorre un passato mai sopito che chiede vendetta e che l’avrà, con un finale inaspettato che tocca in profondità il cuore del lettore.

RECENSIONE

Il romanzo di Natale Mirafiori è caratterizzato da due nuclei narrativi che, per importanza e attualità dei temi di cui sono portatori, potrebbero benissimo rappresentare due storie separate. L’autore, però, mostra grande competenza e abilità nel creare punti di congiunzione tra le due storie e farle così intrecciare ed unire nel corso della storia.

PAOLO

Come dicevo, Paolo e Gemma sono protagonisti di due storie molto attuali: Paolo Bellavista è figlio di genitori separati più intenti a farsi la guerra e distruggere l’altro che a pensare alla felicità del figlio. I genitori di Paolo non possono essere più diversi: il padre è un uomo sregolato e abietto che fa dei propri vizi il motore della sua vita; la madre, al contrario è una donna misurata, pudica, onesta e fin troppo ossessiva nei confronti del figlio.

Paolo fatica a sopportare le angherie che i due genitori si fanno e nutre un bisogno di libertà e riscatto da una vita che non sente più sua.

GEMMA

Anche Gemma si trova a condurre una vita non appagante e triste. Lei, di origini etiopi, bellissima e molto affascinante, vive con due genitori che fanno dell’apparenza una virtù e per questo sempre attenti ad ottenere in consenso dei vicini di case e della società. Le aspirazioni e i desideri della figlia vengono dopo, l’importante è che le persone abbiamo una buona impressione di loro.

Gemma e Paolo non sono accomunati solo per il fatto di essere nati in due famiglie ipocrite e superficiali, ma ciò che più li fa stare male è il senso di non realizzazione e frustrazione che si portano dentro.

L’AMORE

A fare da sfondo a questa storia è sicuramente il sentimento di amore che i due protagonisti provano l’uno per l’altra. Il loro amore, nato già da piccoli, è stato caratterizzato da periodi di vicinanza e altri di lontananza. Vivere in famiglie che non ti apprezzano e valorizzano comporta una difficoltà maggiore nel relazionarsi con gli altri e la storia d’amore tra Paolo e Gemma ha risentito anche per questo.

CONCLUSIONE

Quello che più ho apprezzato di questo libro è il finale, frizzante, inaspettato ed intenso che lascerà il lettore a bocca aperta!

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Bonus Cultura 2021

Il Bonus Cultura, o “bonus 18 anni”, è stato rinnovato anche per i nati nel 2002 ed è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Vediamo cos’è, quali sono le modalità di accesso e di utilizzo e le novità per il 2021.

Leggi di più

Come funzionano i romanzi

Parlare di un libro che parla di altri libri (che spesso parlano di libri) dà sempre una certa vertigine. Scrivere di uno scritto che parli di scrittura è come fare un viaggio nell’iperspazio, sembra quasi di smarrire il contatto con la terra. Forse perché avere la pretesa di recensire un recensore di recensioni è come muoversi dentro un’iperbole; conviene, quindi, volare bassi.

Leggi di più

Dantedì. Il 25 marzo si celebra il sommo poeta

Il 25 marzo è il Dantedì, il giorno dedicato a Dante. Il Consiglio dei Ministri ha deciso nel 2020 che il 25 marzo di ogni anno fosse il Dantedì, una giornata interamente dedicata a Dante, il padre della Divina Commedia, un momento che si è stabilito di inserire nel calendario per dare il giusto spazio a un poeta che ha cambiato la nostra lingua.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *