Breaking News:

47 secondi

Categorie: Libri

Un altro libro di Edizioni Convalle nel quale si parla di un tema molto interessante e importante: il TEMPO!
Il libro in questione è “47 secondi” di Corrado D’Angelo.

47 secondi costituiscono un lasso di tempo che può sembrare molto breve o lunghissimo: dipende da noi, da come li riempiamo, questi attimi.

47 secondi sono il tempo medio che l’editrice ha impiegato a leggere le prime bozze dei racconti che compongono questa raccolta. E, visto che ha trovato del buono in essi, ha sfidato l’autore a continuare su questa strada, concentrando fatti ed emozioni in poco più di due pagine per racconto.

Il tema del tempo

Il tema del tempo è uno dei più dibattuti nella storia dell’umanità, ha sempre destato riflessioni e continuerà a farlo. Sin dagli albori della civiltà, l’uomo si è interrogato sulla questione del tempo e sul suo fluire inesorabile, senza possibilità di fermarlo o bloccarne determinati momenti.

Lo stesso Eraclito, con la frase “Panta Rhei” attesta l’effimera durata di qualsiasi situazione e l’instabilità della condizione umana in continuo movimento e mutamento, per l’ineluttabile scorrere del tempo. Mai come oggi, nella nostra inesistente corsa contro il tempo, si è potuto comprenderne la validità di importanti affermazioni che, sebbene molto antiche, assumono un valore universale.

Per certi versi, questa raccolta di racconti di Corrado D’Angelo mi ha ricordato Tania Mignani, della quale vi ho già parlato riguardo al suo libro “L’altra”. Ciò che mi ha dato l’impressione di somiglianza è la scrittura: originale e pungente. Anche D’Angelo come la Mignani rompe gli schemi del convenzionale per approcciarsi al tema, in questo caso del tempo, in modo diverso, da un’altra prospettiva che ha come obiettivo quello di far riflettere il lettore e, magari, condurlo ad un esame di coscienza.

Il tempo come riflessione

Un altro aspetto che ho trovato molto interessante e stimolante è il cambiamento narrativo da un racconto all’altro. Questa tecnica risulta ottima per mantenere l’attenzione e la curiosità del lettore sempre alte. Non è solo lo stile narrativo a cambiare, anche l’intensità nel raccontare il tema del tempo cambia da racconto a racconto. Sono racconti consapevoli delle debolezze umane, della cattiveria, delle paure, della vendetta, del bisogno di ritrovare uno scopo nella vita, ritrovare la propria indipendenza e libertà, viaggi nel tempo e nei ricordi.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Ogni sabato mattina, alle 9:00, invio il Settimanale Indipendente, un magazine digitale che racchiude tutte le recensioni della settimana, gli ultimi avvenimenti, le notizie più importanti e tutto quello che c'è da sapere sul mondo dell'editoria Indipendente.

I romanzi possono essere terapie per stare bene?

Occorre dare una risposta a questa domanda: leggere fa bene? Al di là del diletto ineffabile che prova il lettore quando si tuffa, sguazza e poi nuota tra le pagine delle proprie letture. Vorremmo capire: esiste un concreto benessere fisico, o mentale, che la lettura è in grado di conferire all’organismo umano. E se esiste, in che termini si manifesta, e come si potrebbe misurare?

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *