Breaking News:

Il passo breve delle cose

Categorie: Libri

Non conoscevo Donatella Tognaccini prima di leggere “Il passo breve delle cose” edito Press&Archeos, così facendo qualche ricerca e parlando con un amico che, invece, aveva già letto suoi libri, sono rimasta sconcertata. Il mio sconcerto riguarda l’assoluto ecclettismo che contraddistingue l’autrice e le sue opere.

Donatella Tognaccini, docente di Lettere in un Liceo di Siena e membro del Centro di Studi Storici Chiantigiani, inizia la sua carriera di scrittrice trattando per lo più narrativa storica, saggi sull’arte e sull’architettura.

Con “Il passo breve delle cose” passa alla narrativa d’invenzione

Con “Il passo breve delle cose”, titolo che si ispira ad un verso della poetessa Alda Merini, passa alla narrativa d’invenzione. L’invenzione, però, viene a fondersi con la vita reale attraverso uno stile narrativo superiore. Questa tecnica di calare il fantastico nel reale ci viene presentata fin dalle prime righe del libro, dove l’autrice dice:


Immaginiamo un uomo che va a visitare il Louvre, guarda ammirato i famosi dipinti
e vorrebbe averne qualcuno per sé. È un desiderio innocente che hanno tutti”.


Sono due i termini in questa frase che sottolineano la tecnica narrativa invenzione-realtà: “immaginate” e “tutti”. Invitandoci ad immaginare, l’autrice sta dichiarando che quanto segue non è reale, ma poi dicendo “è un sentimento che hanno tutti” ecco che ci riporta alla realtà, o meglio, porta la fantasia all’interno della vita reale.

Parlando dello stile narrativo della Tognaccini è importante sottolineare la presenza di un registro colto, denso e teso, che non va però ad appesantire la storia in quanto il libro è permeato da una continua vena ironica che stimola il lettore a girare pagina ed andare avanti con la lettura.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Mondo scritto e mondo non scritto

Arriva alla fine la pubblicazione settimanale dell’opera omnia di Italo Calvino, nella campagna promossa dalla GEDI, e articolata in 24 uscite. E come ultima perla c’è questa raccolta di articoli e saggi raccolti intorno al tema “Mondo scritto e mondo non scritto”. Si tratta di annotazioni sulla traduzione, sulla lettura, sull’editoria, sul fantastico, sulla scienza e sull’antropologia, come si può apprendere dalla catalogazione delle sezioni in cui è articolato il testo. Articoli, recensioni, commenti, relazioni, scritti presentati in contesti disparati: conferenze internazionali, prefazioni editoriali, rubriche giornalistiche, approfondimenti pamphlettistici. Una quarantina di saggi mai pubblicati insieme in un unico volume, come ci informa la nota redazionale.

Leggi di più

Il mondo è un’altra cosa

Venerdì 9 aprile ho avuto il piacere di intervistare Jacopo Zonca, autore del meraviglioso libro “Il mondo è un’altra cosa”, edito da Epika Edizioni, casa editrice che aveva già pubblicato il primo romanzo di Zonca, “52 49”.

Si tratta di una raccolta di racconti o, come preferisce definirlo l’autore, un “libro di racconti” nel quale incontriamo personaggi molto particolari che vivono momenti difficili, talvolta cruciali, della loro vita. Personaggi borderline al limite tra la follia e la cosiddetta “normalità”, ma che hanno tutti qualcosa di raccontare al lettore.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *