Breaking News:

Paradisi minori

Autore: Megan Mayhew Bergman

Categorie: Libri

“Paradisi minori”, edito NNEDITORE, è una bellissima raccolta di racconti che tratta temi diversi tra loro: amore, dolore, natura e, più in generale, parla di tutte quelle domande esistenziali che attanagliano l’umanità. La cosa originale e sorprendente è che per parlare di questi argomenti, usa un’espediente davvero particolare: il mondo animale.

Come ho detto è una raccolta di racconti e in ogni racconto si parla di un animale diverso. La scelta dell’autrice non è casuale perché ogni animale, nel momento in cui entra in contatto con l’uomo, suscita in lui sentimenti e sensazioni diverse e questo fa si che l’essere umano riesca a conoscere sempre di più se stesso e le sue emozioni.

L’incontro tra uomo e animale in “Paradisi minori”

Raccontando l’incontro tra il mondo umano e il mondo animale, la Bergman compone un libro che emana due sentimenti contrastanti, ma al tempo stesso coesistenti nell’animo umano: l’amore e l’odio.

Il genere prescelto dalla Bergman per entrare in contatto con gli animali e, senza dubbio, quello femminile. In quasi tutti i racconti, il mondo umano è caratterizzato dalla presenza di una donna. Una donna cerca la voce della madre in un pappagallo africano. La donna che paragona la sua maternità a quella dei pazienti del marito veterinario. La donnache sente per la prima volta cosa significa essere madre entrando in contatto con un cucciolo di lemure debole e infreddolito e che, grazie a lui riesce a lenire i sensi di colpa per non essere stata una buona madre per la figlia ormai perduta.

“Paradisi minori” narra una simbiosi

Quello che è importante capire dalla lettura di “Paradisi minori”, e che, secondo me, è anche il messaggio principale che la Bergman voleva trasmettere, è come il mondo umano e quello animale possano essere, in realtà, un tutt’uno, come animali e uomini possono entrare in simbiosi tra loro.

Una volta capito questo sottile, ma importantissimo messaggio, allora forse capiremo anche l’importanza della responsabilità, della cura, della salvaguardia ambientale e, cosa fondamentale, l’importanza dell’amore!


“Ma ora so qual è la verità. La verità è che siamo pazzi, malati d’amore, tutti quanti.”
“Voglio fare da madre a tutto il mondo, pensai. Ho così tanto amore da dare.”


La prosa della Bergman è meravigliosa e così poetica che sembra trasmetterci tranquillità e serenità anche di fronte a scoperte del nostro io più profondo che, in realtà, potrebbero turbarci.

Difficilmente leggo raccolte di racconti perché non sono sicura che mi possano appassionare come un romanzo, ma se dovessi consigliare una raccolta di racconti, sicuramente sarebbe “Paradisi minori” di Megan Mayhew Bergman.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Ogni sabato mattina, alle 9:00, invio il Settimanale Indipendente, un magazine digitale che racchiude tutte le recensioni della settimana, gli ultimi avvenimenti, le notizie più importanti e tutto quello che c'è da sapere sul mondo dell'editoria Indipendente.

I romanzi possono essere terapie per stare bene?

Occorre dare una risposta a questa domanda: leggere fa bene? Al di là del diletto ineffabile che prova il lettore quando si tuffa, sguazza e poi nuota tra le pagine delle proprie letture. Vorremmo capire: esiste un concreto benessere fisico, o mentale, che la lettura è in grado di conferire all’organismo umano. E se esiste, in che termini si manifesta, e come si potrebbe misurare?

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *