Breaking News:

Black Mirror. Distopia e antropologia digitale

Autore: Davide Bennato

Categorie: Libri

Ciao lettori, oggi vi parlo di un libro che mi ha colpito molto per la capacità di analisi di un aspetto importante, quanto inquietante, presente nella nostra vita: la tecnologia e il rapporto che noi abbiamo con essa.

Il libro in questione è “Black mirror. Distopia e antropologia digitale” curato da Davide Bennato, professore associato all’Università di Catania e edito da Villaggio Maori Edizioni.

Black Mirror

Il libro ha come obiettivo quello di riflettere sul tema delle tecnologie e il rapporto instauratosi tra queste e la società contemporanea. Per fare questa riflessione, Bennato utilizza una serie tv distopica e tragica: Black Mirror.

Bennato è convinto, ed io sono d’accordo con lei, che questa serie tv sia un mezzo molto utile per comprendere le conseguenze del mondo tecnologico sugli individui, estremizzando e fondendo i sentimenti umani ai contenuti digitali.

Un futuro prossimo

La serie Black Mirror è divenuta così celebre perché concreta e, in alcuni casi anche terrificante. Siamo noi, poi, a dover capire quanto uno “schermo nero” possa rimandarci il riflesso di noi stessi o di quello che rischiamo di diventare. Ciò che è certo è che si tratta di un futuro non troppo lontano, perché Black Mirror rimanda, spesso in modo crudele e cinico, a qualcosa che può accaderci in un futuro molto prossimo. Come dice lo stesso Bennato nel libro: “sono molte le predizioni già avverate; non per ultima quella di un mondo in cui la maggior parte della gente dà per scontato di essere valuta, sempre e ovunque.

Leggere la serie tv con occhio critico

La serie tv Black Mirror, però, offre un efficacie strumento per comprendere i media, ponendo l’accento non su cosa siano, ma sulle conseguenze che queste tecnologie potrebbero avere sugli individui e sulla società, digitalizzando i contenuti e rendendoli virtuali, creando reti di collegamento senza confini e amministrando enormi quantitativi di dati.

Leggendo la serie con occhio critico, si capisce anche qual è l’obiettivo ultimo: costringere lo spettatore a considerare quanto facilmente potrebbe ritrovarsi in quella situazione, qualora adottasse in maniera acritica o esagerata gli strumenti infinitamente seduttivi offerti dal mercato tecnologico.

Tre saggi in uno

Il volume si compone di tre saggi: nel primo la parola è dello stesso curatore, Davide Bennato, che indaga la serie analizzandola attraverso i dati dei suoi spettatori, sull’audience; il secondo saggio è scritto da Alessandro De Filippo, docente di tecnica e critica del cinema, che analizza il medium e gli aspetti estetici della serie. In ultimo, ma non per importanza, abbiamo il saggio di Andrea Cerase, ricercatore dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. In quest’ultimo saggio, Cerase mette in connessione il successo delle puntate con l’attuale clima di incertezza e, molto importante, la latente paura del futuro attraverso gli strumenti della risk communication.

Un libro necessario

Il libro “Black Mirror. Distopia e antropologia digitale” è stato voluto dalla casa editrice Villaggio Maori a beneficio di coloro che vogliono discutere dei prodotti delle industrie culturali e di tecnologia attraverso nuovi approcci.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Mondo scritto e mondo non scritto

Arriva alla fine la pubblicazione settimanale dell’opera omnia di Italo Calvino, nella campagna promossa dalla GEDI, e articolata in 24 uscite. E come ultima perla c’è questa raccolta di articoli e saggi raccolti intorno al tema “Mondo scritto e mondo non scritto”. Si tratta di annotazioni sulla traduzione, sulla lettura, sull’editoria, sul fantastico, sulla scienza e sull’antropologia, come si può apprendere dalla catalogazione delle sezioni in cui è articolato il testo. Articoli, recensioni, commenti, relazioni, scritti presentati in contesti disparati: conferenze internazionali, prefazioni editoriali, rubriche giornalistiche, approfondimenti pamphlettistici. Una quarantina di saggi mai pubblicati insieme in un unico volume, come ci informa la nota redazionale.

Leggi di più

Il mondo è un’altra cosa

Venerdì 9 aprile ho avuto il piacere di intervistare Jacopo Zonca, autore del meraviglioso libro “Il mondo è un’altra cosa”, edito da Epika Edizioni, casa editrice che aveva già pubblicato il primo romanzo di Zonca, “52 49”.

Si tratta di una raccolta di racconti o, come preferisce definirlo l’autore, un “libro di racconti” nel quale incontriamo personaggi molto particolari che vivono momenti difficili, talvolta cruciali, della loro vita. Personaggi borderline al limite tra la follia e la cosiddetta “normalità”, ma che hanno tutti qualcosa di raccontare al lettore.

Leggi di più

Bonus Cultura 2021

Il Bonus Cultura, o “bonus 18 anni”, è stato rinnovato anche per i nati nel 2002 ed è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Vediamo cos’è, quali sono le modalità di accesso e di utilizzo e le novità per il 2021.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *