Breaking News:

e lo chiamano amore

E lo chiamano Amore

Autore: Annamaria Vergiù

Editore: Porto Seguro Edizioni

Categorie: Libri

Cari lettori, oggi vi parlo dell’emozionante libro di Annamaria Vargiù, “E lo chiamano amore”, edito da Porto Seguro Edizioni.

LA TRAMA

Quelli di questo libro sono amori fatti di sopraffazione e violenza, sia fisica che psicologica. Sono turpi, dolci illusioni che si trasformano in incubi. E sono oscuri. Amori che si presentano affascinanti e seducenti e finiscono poi per aggrapparsi alla vittima e succhiarne la linfa vitale. Con questa raccolta, Annamaria Vargiù ci presenta sapientemente la faccia più spietata di un sentimento crudele che usurpa il nome di amore. E che spesso costringe al silenzio le stesse vittime.

IL TEMA DEL LIBRO

E lo chiamano amore è una raccolta di racconti che presenta “amori” che si mostrano affascinanti e seducenti e finiscono poi per aggrapparsi alla vittima e succhiarne la linfa vitale. Non sono solo amori di coppia, ma viene analizzato anche l’amore materno, filiale, tra sorelle. Purtroppo questo sentimento è spesso concepito in modo distorto magari anche involontariamente. A dispetto del tema centrale dei racconti, questo è comunque un libro aperto alla speranza. I vari racconti hanno quasi tutti un finale positivo ma invitano a riflettere, a cogliere i segni di un sentimento distorto, a volte pericoloso. È anche un invito a non chiudersi in se stessi, a non isolarsi ma a saper chiedere aiuto.

I PERSONAGGI

I personaggi rispecchiano i tanti tipi umani che popolano la nostra società. L’autrice cura molto il loro carattere e la loro psicologia. Alcuni personaggi si presentano spontaneamente durante la lettura e sembra interagiscano direttamente con il lettore.

LA COSTRIZIONE

Un tema fondante è quello della costrizione che si viene a manifestare spesso in rapporti che sembrano amore; alla base c’è sempre una sorta di prigionia, che in questo caso annichilisce la protagonista del racconto, la schiavizza, la svuota di interessi e ideali personali, e la riempie di doveri rigidi e meccanici.

LA STRUTTURA DEL LIBRO

La suddivisione in racconti rende la lettura scorrevole e leggera, facilmente divisibile in più tempi, conciliando la lettura ad altri impegni. Il romanzo non si annida mai su un solo argomento, per quanto ci sia un filone unico che tiene legate le diverse parti. Ciò rende la lettura dinamica e mai noiosa.

Diverse sono le parti dialettali presenti in svariati racconti. Il dialetto napoletano rende più veritiere le vicende e appassiona in maggior modo chi il dialetto lo conosce.

CONCLUSIONE

E lo chiamano amore” è un romanzo di crescita ma anche di riflesso, per il fatto che diversi lettori possono trovare la loro storia in questi nove racconti a tema. È un romanzo a largo respiro, che indaga il lato oscuro dei sentimenti, e fa capire che in fondo non sempre ciò che risponde alla parola amore è Amore.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Ogni sabato mattina, alle 9:00, invio il Settimanale Indipendente, un magazine digitale che racchiude tutte le recensioni della settimana, gli ultimi avvenimenti, le notizie più importanti e tutto quello che c'è da sapere sul mondo dell'editoria Indipendente.

I romanzi possono essere terapie per stare bene?

Occorre dare una risposta a questa domanda: leggere fa bene? Al di là del diletto ineffabile che prova il lettore quando si tuffa, sguazza e poi nuota tra le pagine delle proprie letture. Vorremmo capire: esiste un concreto benessere fisico, o mentale, che la lettura è in grado di conferire all’organismo umano. E se esiste, in che termini si manifesta, e come si potrebbe misurare?

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *