Breaking News:

fulgore della notte

Fulgore della notte

Autore: Omar Viel

Editore: Adiaphora Edizioni

Categorie: Libri

Cari lettori, oggi vi parlo di “Fulgore della notte”, un romanzo di Omar Viel, edito da Adiaphora Edizioni e che ha suscitato in me forte emozioni, portandomi a riflettere sull’aspetto “metafisico” e spirituale della vita.

SINOSSI

Sullo sfondo di un’incantevole Bristol e dell’insaziabile Londra, Viel – finalista del Premio Italo Calvino nel 1992 e autore di racconti apparsi su “Nazione Indiana”, “Nuova Prosa” e nell’antologia Venise, collection Bouquins, pubblicata dall’editore francese Robert Laffont – narra con la sua prosa visionaria il viaggio surreale e magnifico della famiglia Wilson, tra i versi immortali di Blake, Keats e Shelley. Un viaggio fatto di incontri bizzarri con personaggi eterei, in equilibrio tra il mondo del visibile e quello dell’invisibile, tra l’universo tangibile e quello dell’immaginazione. 

Il professor Gordon Wilson non si sarebbe dovuto trovare in quella strana casa. Inebriato dal fascino di una ragazza sconosciuta, così simile a sua moglie Una, provoca inavvertitamente un incendio; dalle fiamme, scivola nella realtà la sinuosa figura di una tigre. Gordon, spaventato, fugge, lasciando la propria famiglia disorientata.

Sarà Liz, una delle figlie, a recarsi a Londra alla ricerca del padre: un vero e proprio passaggio di testimone tra il professore e la giovane musicista, che incontrerà sul suo percorso antichi prodigi che la condurranno a svelare i misteri degli Wilson. Nella simbologia della specularità, passato e presente si intrecciano dove nulla è certo e tutto è possibile: “Fulgore della notte” è un cammino esistenziale, fisico, letterario, con incursioni nel poetico. Un romanzo composito nel quale si innesta un generoso tributo al Romanticismo inglese, che invita a lasciar andare gli ormeggi della ragione per abbandonarsi al dominio del possibile.

RECENSIONE

Fulgore della notte” è un libro originale che richiama a se i tratti caratteriali del Romanticismo inglese; il romanzo è infatti intriso da piacevoli citazioni di Blake, Keats, Coleridge e del mio amato Wordsworth.

I PERSONAGGI

I personaggi del romanzo di Viel sono particolari, ognuno con i propri problemi esistenziali da risolvere, ma tutti accomunati dalla figura centrale del romanzo: la tigre del Bengala.

Non possiamo definire la tigre un personaggio vero e proprio, anche se per ognuno dei personaggi veri del romanzo, rappresenta un’entità diversa, quasi come modificasse la propria essenza a seconda della persona che si trova di fronte.

STILE NARRATIVO

Se ho apprezzato così tanto questo romanzo, è anche grazia ad uno stile narrativo impeccabile. La storia è narrata attraverso un lessico ricercato ed elegante e le vicende non si susseguono in modo lineare, ma l’autore conduce il lettore in un vortice narrativo che si posiziona tra il reale e il fantastico, facendo provare al lettore la sensazione di essere in un sogno.

Il lettore ha la possibilità di entrare in contatto con i personaggi, grazie allo “stream of consciuness” (flusso di coscienza), conoscendo in questo modo i pensieri e i desideri di ogni personaggio. D’altra parte è vivo e ben descritto anche il dialogo tra i personaggi, in particolare modo presentato in forma epistolare dalle lettere che le due sorelle Liz e Sid si scambiano e dalla quali possiamo conoscere i loro caratteri.

GIAN LUCA FAVETTO

Gian Luca Favetto, autore ormai conosciuto qui a LeggIndipendente, ha detto di questo romanzo:

“Un libro di magia, e la magia è la scrittura avvolgente. Se entri, preparati a fare i conti con il mistero e la prepotenza dei miracoli. Se hai anche la fortuna di uscirne, torni a casa con un sorriso.”

CONCLUSIONE

E’ stat una lettura molto intensa e particolare, consiglio questo libro a tutti coloro vogliano fare un’esperienza di lettura diversa dalle altre, a chi desidera conoscere il ruolo che ognuno ha ne mondo e a colore che cercano una storia ricca di spunti di riflessioni.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Mondo scritto e mondo non scritto

Arriva alla fine la pubblicazione settimanale dell’opera omnia di Italo Calvino, nella campagna promossa dalla GEDI, e articolata in 24 uscite. E come ultima perla c’è questa raccolta di articoli e saggi raccolti intorno al tema “Mondo scritto e mondo non scritto”. Si tratta di annotazioni sulla traduzione, sulla lettura, sull’editoria, sul fantastico, sulla scienza e sull’antropologia, come si può apprendere dalla catalogazione delle sezioni in cui è articolato il testo. Articoli, recensioni, commenti, relazioni, scritti presentati in contesti disparati: conferenze internazionali, prefazioni editoriali, rubriche giornalistiche, approfondimenti pamphlettistici. Una quarantina di saggi mai pubblicati insieme in un unico volume, come ci informa la nota redazionale.

Leggi di più

Il mondo è un’altra cosa

Venerdì 9 aprile ho avuto il piacere di intervistare Jacopo Zonca, autore del meraviglioso libro “Il mondo è un’altra cosa”, edito da Epika Edizioni, casa editrice che aveva già pubblicato il primo romanzo di Zonca, “52 49”.

Si tratta di una raccolta di racconti o, come preferisce definirlo l’autore, un “libro di racconti” nel quale incontriamo personaggi molto particolari che vivono momenti difficili, talvolta cruciali, della loro vita. Personaggi borderline al limite tra la follia e la cosiddetta “normalità”, ma che hanno tutti qualcosa di raccontare al lettore.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *