Breaking News:

Il garzone del boia

Autore: Simone Censi

Editore: Elison Publishing

Categorie: Libri

Cari lettori, vi parlo oggi di un libro sorprendente: il romanzo storico “Il garzone del boia” di Simone Censi, edito Elison Publishing

TRAMA

Ambientato nell’Italia dell’Ottocento, “Il garzone del boiaè la storia romanzata del più celebre esecutore di sentenze capitali dello Stato Pontificio, Giovanni Battista Bugatti detto Mastro Titta, raccontata dal suo aiutante, comprato per pochi soldi dalla famiglia di origine per farne il proprio garzone. 

Una visione assai diversa, a volte in contrasto con quella del proprio Maestro che vede il mestiere del boia come una vocazione, mentre per il buon garzone è solamente una scelta obbligata dalla quale fuggire alla prima occasione.

Gli eventi si susseguono tra le esecuzioni di assassini e le storie vissute dai protagonisti o raccontate dal popolino sotto la forca. Il Maestro cresce il proprio aiutante iniziandolo anche alla lettura e alla scrittura, così che il romanzo presenta una doppia stesura.

Una prima, in corsivo, fatta dall’aiutante alle prime armi, con un linguaggio spesso forte e colorito e una seconda riscrittura, quando oramai avanti con l’età su consiglio del suo analista, riprende in mano questa storia per fuggire dai fantasmi che ancora lo perseguitano.

RECENSIONE

Sapevo che il libro mi sarebbe piaciuto perché dotato di una trama avvincente la quale lasciava presagire un ottimo svolgimento della storia, ma non credevo potesse colpirmi così tanto. La storia narrata in modo supero da una penna capace e attenta, mai scontata.

Ne “Il Garzone del Boia” assistiamo ad uno spaccato di come si amministrava la giustizia in Italia nel 1800, dove ci vengono proposte le esecuzioni ponendo l’accento non tanto sulla morte, quanto sui fatti che hanno portato alla cattura, alla condanna, ai motivi, ponendo i rei come protagonisti di brevi capitoli ad essi dedicati. Da queste narrazioni affiora pian piano la figura del boia, uomo buono che si prende cura fin da piccolo del suo garzone, insegnandogli un mestiere e preparandolo alla vita. E’ un personaggio solitario e taciturno che svolge il suo lavoro con cura meticolosa senza tante domande e senza trarne perverso piacere. In antitesi col suo garzone che invece sulla giustizia della pena si interroga, mettendone in discussione le scelte e anche sé stesso.


“Capitava, soprattutto nel caso di assassinio di personaggi noti, che si rendesse evidente la necessità di dare un’idea di una giustizia celere e funzionante e per questo si cercava sempre un colpevole, spesso con prove certe ma andava bene anche senza. Sotto tortura tutti, anche gli estranei ai fatti, alla fine erano ben disposti a dare una piena confessione.”


CONCLUSIONE

“Il garzone del boia” è un libro che consiglio caldamente a coloro che amano il genere storico, rimarrete colpiti dalla narrazione di Censi e dai suoi personaggi.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Ogni sabato mattina, alle 9:00, invio il Settimanale Indipendente, un magazine digitale che racchiude tutte le recensioni della settimana, gli ultimi avvenimenti, le notizie più importanti e tutto quello che c'è da sapere sul mondo dell'editoria Indipendente.

I romanzi possono essere terapie per stare bene?

Occorre dare una risposta a questa domanda: leggere fa bene? Al di là del diletto ineffabile che prova il lettore quando si tuffa, sguazza e poi nuota tra le pagine delle proprie letture. Vorremmo capire: esiste un concreto benessere fisico, o mentale, che la lettura è in grado di conferire all’organismo umano. E se esiste, in che termini si manifesta, e come si potrebbe misurare?

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *