Breaking News:

il grande racconto di Renoir

Il grande racconto di Renoir

Autore: AA.VV.

Editore: Edizioni della Sera

Cari lettori, dopo aver letto e recensito per noi “Il grande racconto di Klimt“, Serena Pisaneschi torna con il secondo volume della collana edita da Edizioni della Sera: “Il grande racconto di Renoir

SECONDO NUMERO

La casa editrice e la brava curatrice Monia Rota hanno deciso di proseguire questo esperimento letterario prendendo come protagonista un altro grande nome della pittura mondiale: Pierre-Auguste Renoir. 

RACCONTI E AUTORI

Stavolta i racconti che si susseguono sono venti e quindi venti autori, solo tre di questi sono apparsi nella precedente raccolta, per cui ci sono nuovi interessati voci da leggere. I racconti sono come sempre diversi l’uno dall’altro, stravolta però ho notato una minore “presenza” dei quadri. Ovvero i quadri ci sono, ma spesso non sono nemmeno citati, semplicemente l’autore ha fissato tanto attentamente l’opera scelta da creare una storia indipendente dal quadro, lasciandosi ispirare. È come se il dipinto facesse da sfondo senza esserlo, come se guardasse da lontano godendosi lo spettacolo di cosa possa aver suggerito alla creatività dell’artista. Se penso a questo mi viene da paragonare gli autori a Renoir: lui che dipinge soggetti e crea immagini, loro che guardano quelle immagini e inventano storie, entrambi vittime della spessa bellezza. 

RENOIR

È stato uno dei massimi esponenti dell’impressionismo. Maestro della Joie de vivre, ha dipinto qualcosa come cinquemila tele, oltre acquarelli e disegni, e anche quando l’artrite gli impedisce di dipingere, lui si fa legare i pennelli alle mani e continua. Di sé dice:

«Dispongo il mio soggetto come voglio, poi mi metto a dipingerlo come farebbe un bambino. Voglio che il rosso sia sonoro e squillante come una campana, quando non ci riesco aggiungo altri rossi ed altri colori finché non l’ottengo. Non ci sono altre malizie. Non ho regole né metodi; chiunque può esaminare quello che uso o guardare come dipingo, e vedrà che non ho segreti. Guardo un nudo e ci vedo miriadi di piccole tinte. Ho bisogno di scoprire quelle che fanno vibrare la carne sulla tela. Oggi si vuole spiegare tutto. Ma se si potesse spiegare un quadro non sarebbe più arte. Vuole che le dica quali sono, per me, le due qualità dell’arte? Dev’essere indescrivibile ed inimitabile … L’opera d’arte deve afferrarti, avvolgerti, trasportarti.»

Credo che l’ultima frase debba applicarsi in ogni forma d’arte, i venti autori hanno scritto inseguendo quel dovere.

CONCLUSIONE

«Mi piacciono quei quadri che mi fanno venir voglia di entrarci dentro per fare un giro» questo sosteneva Renoir. Gli autori dei racconti sperano di essere riusciti nella magia di trasportarci nei dipinti, non resta che leggere per scoprirlo.

 

(RECENSIONE DI SERENA PISANESCHI)

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Bonus Cultura 2021

Il Bonus Cultura, o “bonus 18 anni”, è stato rinnovato anche per i nati nel 2002 ed è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Vediamo cos’è, quali sono le modalità di accesso e di utilizzo e le novità per il 2021.

Leggi di più

Come funzionano i romanzi

Parlare di un libro che parla di altri libri (che spesso parlano di libri) dà sempre una certa vertigine. Scrivere di uno scritto che parli di scrittura è come fare un viaggio nell’iperspazio, sembra quasi di smarrire il contatto con la terra. Forse perché avere la pretesa di recensire un recensore di recensioni è come muoversi dentro un’iperbole; conviene, quindi, volare bassi.

Leggi di più

Dantedì. Il 25 marzo si celebra il sommo poeta

Il 25 marzo è il Dantedì, il giorno dedicato a Dante. Il Consiglio dei Ministri ha deciso nel 2020 che il 25 marzo di ogni anno fosse il Dantedì, una giornata interamente dedicata a Dante, il padre della Divina Commedia, un momento che si è stabilito di inserire nel calendario per dare il giusto spazio a un poeta che ha cambiato la nostra lingua.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *