Breaking News:

Qualcosa che s’impara

Autore: Gian Luca Favetto

Categorie: Libri

Qualcosa che s’impara” di Gian Luca Favetto è il terzo volume della meravigliosa Serie CroceVia di NNEDITORE.

Questa Serie, della quale vi ho già parlato dei primi due volumi, in particolar modo di “Di ferro e d’acciaio” di Laura Pariani, si occupa di riflettere attorno alle parole legate alla religione, ma che sono diventate di uso comune, alle quali continuiamo a fare ricorso: croce, passione, perdono, fede, pudore… Una parola che darà il tema a ogni libro, scritto di volta in volta da un autore diverso.

Perdono/dono

Nel caso di Gian Luca Favetto, la parola prescelta è stata Perdono / Dono e l’autore decide di affrontare il compito attraverso un saggio che del perdono parlerà a tutto tondo.


Scrive l’autore nel saggio:

“Perdono è una di quelle parole che fanno bene”.
Ha qualcosa di angelico, mentre lo si dice. Di puro e di vizioso.


La struttura del libro

Il saggio di Favetto si divide in dieci capitoli che rimandano ad altrettanti riflessioni dell’autore sul tema del perdono / dono. Per spiegare tali riflessioni prende in prestito le parole e le idee dei più grandi della letteratura e della poesia, quali Shakespeare, Omero e Cervantes. Questi importanti intellettuali e scrittori non sono gli unici dai quali prende ispirazione; Favetto osserva anche i suoi amici e la sua vita stessa restituendoci pensieri e parole di forte impatto emotivo con lo scopo di farci riflettere sui diversi ambiti della vita umana.

Lo stile

Lo stile dell’autore è evocativo, ricco, ma anche molto personale. Proprio per quest’ultimo aspetto, il libro di Gian Luca Favetto non è di immediata comprensione, ma richiede un lettore attento e disposto a “pensare a quello che sta leggendo”.

Conclusione

Lo consiglio a tutti coloro che vogliono prendersi del tempo per se stessi per leggere qualcosa che li farà stare bene e li accompagnerà a riflessioni importanti.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Ogni sabato mattina, alle 9:00, invio il Settimanale Indipendente, un magazine digitale che racchiude tutte le recensioni della settimana, gli ultimi avvenimenti, le notizie più importanti e tutto quello che c'è da sapere sul mondo dell'editoria Indipendente.

I romanzi possono essere terapie per stare bene?

Occorre dare una risposta a questa domanda: leggere fa bene? Al di là del diletto ineffabile che prova il lettore quando si tuffa, sguazza e poi nuota tra le pagine delle proprie letture. Vorremmo capire: esiste un concreto benessere fisico, o mentale, che la lettura è in grado di conferire all’organismo umano. E se esiste, in che termini si manifesta, e come si potrebbe misurare?

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *