Breaking News:

Sottovoce

Autore: Sarah Manguso

Editore: NNEDITORE

Categorie: Libri | Lucrezia Medici

Sottovoce” non si può definire una raccolta di racconti e nemmeno un romanzo. Sono piccole istantanee della vita di Sarah Manguso, l’autrice, che catapultano il lettore  in ogni suo gesto quotidiano. 

Con poche e dirette parole, scelte con cura, Sarah Manguso racconta episodi intimi e personali con naturalezza e ironia, quasi come se sfogliassimo una raccolta di fotografie. 

SARAH MANGUSO

Scrivere qualche aneddoto sulla vita di questa autrice mi sembra doveroso anche se probabilmente sarò di parte avendo amato i suoi precedenti scritti, sempre portati in Italia dalla casa editrice NN Editore: “Il salto” e “Andanza“.

Sarah vive a Los Angeles ed è autrice di short stories, poesie e  memoir.  La sua grande peculiarità è quella di saper mettere a nudo le emozioni e i sentimenti dell’animo umano con grande semplicità, senza però sminuirle, e riuscendo a toccare corde profonde nel lettore.

Il suo stile è sempre nuovo, frammentato, come a leggere un diario  in cui, però, non ci sono altri argomenti se non i sentimenti , le emozioni, la vita. 

RIFLESSIONI

In Sottovoce, l’autrice racconta in poche righe stralci di vita quotidiana a cui non si dà rilievo, che si tende a nascondere, a non raccontare. Rammarichi di episodi vissuti con vergogna, gioie mai condivise, paure celate. Episodi di vita che, come  scatti fotografici , rimangono impressi, anche se sono incompleti, sospesi e lasciano navigare il lettore in balia di un oceano in tempesta tra passato, presente e futuro. 

In questo scritto, infatti , si alternano ricordi legati all’infanzia e a vicende accadute in tempi recenti, all’apparenza confuse, ma che sapranno condurre il lettore alla fine della storia lasciandolo stupito di tanta bellezza.

Difficile staccarsi da questa lettura, che mi ha portata a divorare queste piccole pillole quotidiane in pochi giorni, lasciando spazio a riflessioni e a risposte alle domande che questo libro pone. Inizialmente si ha la sensazione che questi  episodi non restino impressi, proprio per il loro alternarsi tra passato e presente senza vedere un nesso tra loro. Ma, con il passare dei giorni, mi sono ritrovata spesso a pensare a ciò che vuole trasmettere l’autrice, dando quindi rilievo a riflessioni, ricordi e all’importanza  che hanno le cose semplici.

Solo affacciandomi dalla finestra di casa mia, mi tornano in mente le semplici parole con cui Sarah racconta il suo amore per la natura.


A volte vedo passare un cervo dalla finestra davanti alla scrivania.
È sempre una sorpresa meravigliosa vedere un cervo mentre lavoro.
[…]
Nei momenti di distrazione in cui lavoro e armeggio con i due dispositivi, penso per un attimo che mi piacerebbe premere un bottone per far comparire il cervo.


(RECENSIONE DI LUCREZIA MEDICI)

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Ogni sabato mattina, alle 9:00, invio il Settimanale Indipendente, un magazine digitale che racchiude tutte le recensioni della settimana, gli ultimi avvenimenti, le notizie più importanti e tutto quello che c'è da sapere sul mondo dell'editoria Indipendente.

I romanzi possono essere terapie per stare bene?

Occorre dare una risposta a questa domanda: leggere fa bene? Al di là del diletto ineffabile che prova il lettore quando si tuffa, sguazza e poi nuota tra le pagine delle proprie letture. Vorremmo capire: esiste un concreto benessere fisico, o mentale, che la lettura è in grado di conferire all’organismo umano. E se esiste, in che termini si manifesta, e come si potrebbe misurare?

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *