Breaking News:

Spyros

Spyros. Il marinaio italiano

Autore: Rita Giammarresi

Editore: Bonfirraro

Categorie: Libri

Cari lettori, oggi vi parlo di un romanzo sorprendente ed emozionante: “Spyros. Il marinaio italiano” di Rita Giammarresi, edito dalla Casa Editrice Bonfirraro. Ho avuto il piacere di conoscere Rita Giammarresi al Salone Internazionale del Libro di Torino 2019 dove ha presentato il suo romanzo. La storia, già dalla trama aveva attirato la mia attenzione e per di più è ambientata in Sicilia, come potevo resistere?

TRAMA

È un giorno d’inverno. Giuseppe, dopo una lunga vita vissuta tra gioie, dolori, entusiasmo, tenacia e tante avventure, ha appena esalato il suo ultimo respiro. La morte lo ha preso, ma inizia a percepirsi più vivo che mai e incomincia a ripercorrere a ritroso un viaggio nelle memorie del proprio passato. Partendo dall’infanzia, i suoi ricordi si snodano tra gli anni ’20 e ’30 nel colorito rione del Capo, storico quartiere di Palermo. Le sue rievocazioni continuano in Grecia poiché, a seguito dello scoppio del Secondo conflitto mondiale, Giuseppe riceve la chiamata alle armi. Divenuto un marinaio della Regia Marina Italiana, apprende una nuova lingua e si integra per quattro lunghi anni nella piccola comunità di Navarino, in Grecia, i cui abitanti gli danno il soprannome Spyros e dove lascerà un pezzo del suo cuore e della sua giovinezza. Giuseppe narra il suo ritorno in una Palermo da ricostruire insieme alla sua stessa vita, un cammino di sofferenza, ma anche e soprattutto di riscatto e di speranza tracciando con serenità, fin dalla prima pagina, un intenso percorso di riflessione che terrà il lettore con il fiato sospeso fino alla fine.

RECENSIONE

Il libro si apre con la morte di Giuseppe, protagonista della storia, e da qui inizia un viaggio compiuto a ritroso con l’obiettivo di ripercorrere la vita felice, ma anche travagliata, di questo personaggio.

La prima tappa di questo incredibile viaggio ci porta a Palermo, nel rione del Capo. E’ qui che Giuseppe nasce e inizia a scontrarsi con le difficoltà della vita; senza padre e con una madre assente perchè impegnata a lavorare per mantenere la famiglia, Giuseppe soffrirà di solitudine e di privazioni dovute alla povertà.

LA CHIAMATA ALLE ARMI

La vita di Giuseppe cambia radicalmente quando riceve la chiamata a servire il Paese durante la Seconda Guerra Mondiale. Il protagonista è costretto a trasferirsi in un piccolo paesino della Grecia dove vivrà un primo momento di difficoltà nell’integrarsi con la popolazione. La forzata convivenza con i suoi compagni e la necessità di interagire con i cittadini del paesino greco porteranno Giuseppe ad aprirsi e a lasciare, per la prima volta nella sua vita, quella triste sensazione di solitudine che lo aveva sempre contraddistinto.

In Grecia Giuseppe trascorrerà quattro anni della sua vita facendo suoi gli usi e i consumi della comunità ed instaurando belle amicizie. Proprio in questo luogo a Giuseppe verrà dato il soprannome di Spyros che in greco significa “cestino pieno di semi”. Questo è il nome che il protagonista di questa storia porterà con sé per tutta la sua vita. Ma perchè gli è stato dato proprio questo nome?

SPYROS – CESTINO PIENO DI SEMI

Giuseppe, benché abbia vissuto una vita molto povera e disagiata, caratterizzata da privazioni e dolori, ha sempre mantenuto integro il suo spirito e conservato un cuore puro capace di conquistare l’amore e la fiducia degli uomini.

Proprio grazie al suo buon cuore, nonostante la gravità e l’orrore della guerra, Giuseppe – Spyros, riuscirà a raggiungere il suo più grande obiettivo. Quale? Leggete la storia e lo scoprirete!

UN ROMANZO BIOGRAFICO

Questa non è una storia inventata, ma un libro autobiografico dedicato al padre dell’autrice. L’amore che Rita Giammarresi nutre per il padre e la riconoscenza che mostra nei confronti di una vita sofferta e difficile, traspare ad ogni pagina e il lettore si sente coinvolto. 

CONCLUSIONE

E’ impossibile non lasciarsi scappare qualche lacrima di commozione perchè la storia narra l’amore puro e disinteressato che solo poche persone hanno la fortuna di provare nella loro vita! E’ un romanzo che consiglio a tutti!

 

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

Mondo scritto e mondo non scritto

Arriva alla fine la pubblicazione settimanale dell’opera omnia di Italo Calvino, nella campagna promossa dalla GEDI, e articolata in 24 uscite. E come ultima perla c’è questa raccolta di articoli e saggi raccolti intorno al tema “Mondo scritto e mondo non scritto”. Si tratta di annotazioni sulla traduzione, sulla lettura, sull’editoria, sul fantastico, sulla scienza e sull’antropologia, come si può apprendere dalla catalogazione delle sezioni in cui è articolato il testo. Articoli, recensioni, commenti, relazioni, scritti presentati in contesti disparati: conferenze internazionali, prefazioni editoriali, rubriche giornalistiche, approfondimenti pamphlettistici. Una quarantina di saggi mai pubblicati insieme in un unico volume, come ci informa la nota redazionale.

Leggi di più

Il mondo è un’altra cosa

Venerdì 9 aprile ho avuto il piacere di intervistare Jacopo Zonca, autore del meraviglioso libro “Il mondo è un’altra cosa”, edito da Epika Edizioni, casa editrice che aveva già pubblicato il primo romanzo di Zonca, “52 49”.

Si tratta di una raccolta di racconti o, come preferisce definirlo l’autore, un “libro di racconti” nel quale incontriamo personaggi molto particolari che vivono momenti difficili, talvolta cruciali, della loro vita. Personaggi borderline al limite tra la follia e la cosiddetta “normalità”, ma che hanno tutti qualcosa di raccontare al lettore.

Leggi di più

Bonus Cultura 2021

Il Bonus Cultura, o “bonus 18 anni”, è stato rinnovato anche per i nati nel 2002 ed è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Vediamo cos’è, quali sono le modalità di accesso e di utilizzo e le novità per il 2021.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *