Breaking News:

[SEGNALAZIONE]: “Ombre nella pietra”

Autore: Alex Coman

Editore: Dels Digital

N. pag: 44

Anno: 2021

Valutazione: 5/5

A cura di: Virginia Villa

Categorie: Libri

Per poter entrare nella Bolla erano costretti a indossare l’ombra,
ma rinunciando a ogni dignità umana.

IL LIBRO

Monte Alto è circondato dall’oceano l’aria è fredda e corrosiva, la gente per poter sopravvivere è  costretta a vivere nelle caverne agognando la vita nella Bolla, dove la natura prospera e l’aria è incontaminata. Lo sanno bene Mina e Robi che, per poter entrare nella Bolla, sono costretti a indossare l’ombra, rinunciando alla loro libertà e portando a termine gli incarichi assegnati dal collare. Le ombre non sono autorizzate a parlare con i cittadini, non sono autorizzate a fare nulla se non espressamente richiesto.

Solo così possono respirare l’aria tossica fuori dalla Bolla per un massimo di 150 ore.

 

Come ha ben scritto Silvia Garioni di librierecensioni.com, “poche pagine per tante emozioni, quasi un peccato che debba finire così presto, poiché potrebbe essere l’inizio di una gran bella avventura, e chissà che magari un giorno l’autore voglia poi crearne un seguito. Un bel potenziale da cui partire e ricavarne un intero romanzo.

L’AUTORE

Alex Coman, nato in Romania, si è trasferito a Terni all’età di tredici anni insieme alla famiglia. Da sempre appassionato di scrittura, fa parte dello staff del Terni Horror Fest, festival che si svolge ogni anno nella sua città.
È uno degli ScrittoriSopravvissuti, una trasmissione su Radio Galileo in onda ogni giovedì ed è uno dei recensori del sito www.LeggereDistopico.com. Ultimamente ha aperto anche un canale YouTube, dove parla di libri, scienza, scacchi e dove legge racconti propri o di altri scrittori.
Nel 2020 ha pubblicato Tra le stupide righe, il suo primo romanzo (Argento Vivo Edizioni).

 

Chi sono

29 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *