Breaking News:

Un demonio dal viso angelico

Autore: Marco Michele Cazzella

Editore: Dragonfly Edizioni

N. pag: 213

Anno: 2020

Valutazione: 4/5

A cura di: Virginia Villa

Categorie: Libri

Oggi vi parlo di un romanzo intenso e coinvolgente, già apprezzato da molti lettori: “Un demonio dal viso angelico” di Marco Michele Cazzella, edito da Dragonfly edizioni.

TRAMA

Lecce, anno 2035. In un piovoso pomeriggio di febbraio i coniugi Cazzella sono costretti in casa a causa di un violento temporale. Per ingannare il tempo Marco propone a sua moglie Stefania e a sua figlia Maria Teresa la lettura del secondo romanzo “partorito” dalla sua estrosa penna. Il libro si intitola “Un demonio dal viso angelico”. Si tratta del secondo volume che fa da seguito al primo capitolo di una saga familiare intitolato “Una romantica storia salentina”. 

In questo secondo libro i due protagonisti saranno invischiati in un giallo, dove nessuno è chi dice di essere e dove i colpi di scena si susseguono pagina dopo pagina in un intreccio romantico, che viaggia su sfumature di eros e su binari che spaziano dalla nera suspense al thriller psicologico. Marco, il protagonista sarà sedotto dall’affascinante antagonista Violette Vallentaine tentando di sfuggire con tutti i mezzi possibili alle sue numerose avances. La donna nella sua diabolica missione sarà affiancata dallo spietato fratello Frédéric. Ma è possibile che possa nascere un particolare sentimento o un singolare rapporto di amicizia verso il nostro più acerrimo nemico? 

Un complotto familiare che nasconde evoluzioni della vicenda davvero inaspettati cospirando alle spalle di Marco e della sua amata Stefania. Chi sarà il vero colpevole di tale misfatto? Starà al più attento lettore scoprire il bandolo della matassa…

COSA PENSO DI QUESTO LIBRO

Sono tanti gli aspetti positivi di “Un demonio dal viso angelico” che hanno destato la mia curiosità e per i quali penso che l’autore abbia una grandissima qualità di narratore, ma vorrei soffermarmi in particolare modo su tre.

Il primo aspetto che ho apprezzato molto è stato l’inserimento della storia nella storia. La metanarrazione non è un espediente letterario semplice da realizzare, ma Marco Michele Cazzella mostra grande abilità nell’alternare due periodi storici differenti (il presente nel quale vive l’autore-protagonista e il 2035 hanno in cui è ambientata la storia). L’autore lega insieme gli eventi e la narrazione costruendo un perfetto ponte stabile tra i due periodi, restituendo al lettore una narrazione continua e intrigante.

Il secondo aspetto che ho trovato interessante è l’identificazione dell’autore con il protagonista. Come nel primo romanzo, anche qui troviamo una totale e perfetta sovrapposizione tra il Marco autore e il Marco protagonista della storia. La narrazione è resa così bene che, ad un certo punto, il lettore non sa più distinguere le due personalità.

Infine, non posso non apprezzare la morale che Marco Michele Cazzella ha inserito nella sua storia: non esistono buoni o cattivi per definizione. Capita delle volte che, come i buoni commettano errori, anche i cattivi possano riscattarsi perchè anche il più malvagio dei cattivi conserva comunque dentro di sé un briciolo di bontà.

CONCLUSIONE

In questo romanzo troverete una scrittura matura ed elegante e una storia dalla quale è difficile resistere.

Chi sono

27 anni, blogger, agente letteraria e mamma di Gemma. Credo fermamente nella bibliodiversità e nelle realtà editoriali indipendenti, le quali spesso nascondono perle di cui pochi sono a conoscenza.

Sostieni Leggindipendente

L’Italia torna a leggere!

Ciao lettori, oggi condivido con voi l’articolo di Repubblica che riporta i dati sull’incremento della lettura in Italia in questo primo semestre dell’anno. Non solo rispetto al 2020 della pandemia, ma anche al 2019: legge più di prima il 31% dei lettori e compra più di prima il 25% degli acquirenti, mentre solo il 13% dichiara di leggere o acquistare meno. 

Leggi di più

Me’Med, la bandana rossa e il fiocco di neve – Semezdin Mehmedinović

Libro dal titolo intrigante, il cui autore ha un nome esotico e antico. Eppure tutto ha una spiegazione semplice, e a noi vicinissima: Mehmedinović è poeta, saggista, romanziere e giornalista bosniaco di Sarajevo e quelle tre enunciazioni sulla copertina sono i titoli dei tre capitoli da cui è composto il suo libro. Libro che ha vinto il prestigiosissimo Premio Meša Selimović 2017, e a noi giunge nella preziosa traduzione di Elvira Mujčić.

Leggi di più

Il pane perduto – Edith Bruck

Un racconto che scorre velocemente, come un fiume di lacrime in piena. Un’ennesima testimonianza di quanto sia stata orribile la shoah. La storia di una ragazzina che ha vissuto in prima persona la deportazione e i sensi di colpa di coloro che sono riusciti a ritornare in un mondo che non sarebbe stato più lo stesso. Una tenera storia di una donna che tenacemente continua a mantenere viva la memoria degli orrori, per spegnere ogni possibile fiamma del nazifascismo.

Leggi di più
Loading

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *